Plastisfera

Marenostrum

Il progetto Plastisfera raccoglie dal 2015 opere in ceramica che utilizzano plastiche combuste spiaggiate, fossili di questa contemporaneità, da cui emergono forme organiche in porcellana.
L’acqua è fin dai primi lavori pittorici compagna, stimolo di riflessione e ricerca, dal 1986 ha continuato ad essere presente nel lavoro artistico con pittura, fotografia, video, la personale “pittura d’acqua” su plexiglass, scultura ceramica. Nel plexiglass con “pittura d’acqua” (grafica e pittura originale elaborata dal 2006) sono racchiusi -plastificati – la densità e i movimenti dell’acqua, del mare.

Keramikos 2020 Biennale di ceramica – Mediterraneo
Museo della ceramica Duca di Martina, Villa Floridiana Napoli
20/12/19 – 15/03/20
Esposizione personale Mare Nostrum , Sala della Gran Guardia, Padova 2019
Impronte Vegetali, arte ceramica contemporanea, Cattedrale ex Macello, Padova 2018
Esposizione personale S-guardo oltre, Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova 2016

La plastica è stata proposta come uno dei segni distintivi dell’Antropocene, la nuova era geologica caratterizzata dai segni dell’attività umana sulla Terra. Plastisfera riprende un neologismo che gli scienziati hanno creato per descrivere il fenomeno della fotodegradazione e frammentazione della microplastica nel mare; rifiuti di plastica fusi nei sedimenti dei fondali oceanici o nelle rocce, formano i “plastiglomerati”.