S-GUARDO OLTRE – Esposizione personale

Ex Scuderie di Palazzo Moroni Padova, 16 settembre – 16 ottobre 2016

PROMOSSA DALL’ASSESSORATO ALLA CULTURA DI PADOVA
PARTNER TECNICO SAN MARCO TERREAL ITALIA

L’individuo, la Terra, l’ambiente, la nozione di Tempo, la trasformazione sono gli elementi che sintetizzano la poetica dell’artista espressa in questo progetto espositivo caratterizzato dallo sguardo. Lo “Sguardo” di Madre Terra coglie/accoglie il visitatore con unici, enormi o molteplici occhi multiformi che coinvolgono l’osservatore in un dialogo che sollecita il saper guardare, il percepire la molteplicità cogliendo le connessioni oltre l’apparenza.

La Terra, “Mater” per l’artista, archetipo dal duplice aspetto, viene declinata in forme diverse dal 2006, con le tecniche della ceramica e della porcellana, per riportare l’attenzione all’empatica e profonda relazione tra l’essere umano e la natura, l’ambiente, e alla responsabilità di trasformazione reciproca.
La mostra è costituita da percorsi diversi, a volte paralleli, che ribadiscono le connessioni tra esterno ed interno, pieno e vuoto, materia e spirito, attraverso forme espressive differenti: la scultura ceramica con installazioni, la pittura, la grafica, la scultura, il video e la fotografia.

RASSEGNA STAMPA

EVENTI IN SEDE ESPOSITIVA, a cura di Mara Ruzza

TEBATO BODY PERCUSSION
Performance di Body Percussion
con i Tebato, di Simone Magnoni musicista e musicoterapista, all’inaugurazione della mostra personale di Mara Ruzza S-GUARDO OLTRE, venerdì 16 settembre 18:30

La performance ritmica promuove l’originaria ricchezza naturale dell’essere umano in quanto la body percussion è un insieme di gesti-suoni, suoni prodotti partendo dai piedi fino al viso e la voce, che danno l’opportunità al corpo di essere un vero e proprio strumento musicale.
I “Tebato” sono uno dei primi gruppi “percuotivi” a Padova attivi da diversi anni nel territorio per iniziative benefiche, spettacoli, formazione e attività di Body Percussion dai bambini agli adulti. Il gruppo della Performance di Padova sarà composto da Simone Magnoni, Annamaria Marcato, Alberto Grezzani, Paola Minisci, Massimo Ferin e Carla Galbusera.

CONVERSAZIONE: Della Natura e dell’arte. Alcuni esempi legati al concetto di rizoma e oltre
Conversazione tra filosofia ed arte con Elisabetta Maria Vanzelli, storica dell’arte.
18 settembre ore 17.30 Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova

Partendo dalla metafora di Deleuze e Guattari relativa al concetto di rizoma – simbolicamente contrario all’idea di radicamento e gerarchia – l’incontro intende delineare alcuni principi chiave nel rapporto tra Natura e arte del Novecento.
Le opere di Mara Ruzza esposte in mostra saranno occasione per riflettere su precisi punti di convergenza e snodo che hanno intrecciato, nella contemporaneità, il pensiero filosofico e una particolare pratica artistica strettamente legata alle norme della Natura e dell’organico.

READING POETICO: Frammenti d’utopia
Letture di Luciana Roma, Teatrocontinuo
25 settembre ore 18:00 Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova

CONVERSAZIONE: Da madre a Matrice. Perché l’arte serve?
Conversazione tra antropologia e arte terapia con Luisa Fantinel, storica dell’arte e arte terapeuta.
1 ottobre ore 17.30 Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova

CONVERSAZIONE: Veneto antico al femminile: dee, dee madri, donne
Conversazione con Francesca Veronese, Musei Civici di Padova – Museo Archeologico e Angela Ruta Serafini, archeologa
14 ottobre ore 17.30 Ex Scuderie di Palazzo Moroni, Padova

Il pantheon veneto nel primo millennio a.C. è indubbiamente dominato da una divinità femminile, REITIA, protettrice del guado, quindi dei riti di passaggio, ma anche della scrittura, della tessitura, della guarigione e del parto.
Accanto a lei altre figure femminili, tradotte dalla devozione popolare in piccoli bronzi che rinviano ai più diversi aspetti della vita delle donne, tra cui la fecondità e la maternità.
Al primato divino si affiancano molti segnali di ruoli femminili non secondari, dalle principesse alle sacerdotesse, che riflettono un quadro sociale composito, di cui le donne sono partecipi a pieno titolo.